CENTRO DI STUDI FILOLOGICI E LINGUISTICI SICILIANI

Per l'attuazione della Legge Regionale N.9/2011

Slide 1

D I Á L E K T O S  è un buon contrassegno perché esprime ciò che intendiamo dire e ciò che intendiamo ancora fare, anche dopo l’approvazione della Legge Regionale n. 9 del 31 maggio 2011 («Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nella scuola»).

Diálektos è parola greca e significò dapprincipio ‘conversazione, colloquio, discussione’, secondo la ragione etimologica dialégomai.

Diálektos intende essere, per l’appunto, uno spazio di informazione, di discussione, di confronto, di sperimentazione. Uno spazio condiviso dagli insegnanti e da quanti – particolarmente nei Dipartimenti universitari – conducono ricerche sui temi della dialettologia, della letteratura regionale, della cultura popolare e, più in generale, dell’educazione linguistica.

Uno spazio condiviso nel quale tali temi e tali valori vanno considerati come parte integrante della storia sociale, linguistica e letteraria dell’Italia intera.

Formazione

Materiali

Esperienze

Forum

Menu

Ultime notizie

Login

Martedì, 17 Ottobre 2017 14:03

NOVITÀ EDITORIALI

Scritto da

 

Parlare italiano e dialetto in Sicilia

 

Giovanna Alfonzetti

 

Lingue e Culture in Sicilia. Piccola Biblioteca per la Scuola, 2, Palermo 2017

 

ISBN 978-88-96312-77-3 - Pagine 96, € 10,00

 

Nella nostra società sempre più globalizzata, il dialetto continua a essere una parte importante del bagaglio linguistico che ciascuno si porta dietro nel viaggio della vita, arricchendolo sempre di altri frammenti provenienti da nuovi percorsi ed esperienze. In Sicilia, come nel resto d’Italia e in altri Paesi europei, i dialetti locali, pur subendo una forte riduzione nell’uso, incalzati dalla sempre più vasta diffusione delle lingue nazionali, continuano, infatti, a svolgere funzioni significative nella comunicazione quotidiana, anche in quella dei giovani. Questo volume propone una riflessione approfondita sulle ragioni per le quali parlando si passa spesso dall’italiano al dialetto e viceversa, a volte senza neanche accorgersene, ma comunque con particolari scopi ed effetti comunicativi: avvicinarsi all’interlocutore o prenderne le distanze; esprimere con più enfasi stati d’animo, affetti, sentimenti quali rabbia, collera o anche gioia e tenerezza; riportare le parole altrui; dare libero sfogo alla creatività personale o per finalità ludiche e scherzose. È quanto fanno soprattutto i giovani, che, specialmente nella comunicazione mediata dal computer, si divertono a mescolare “pezzi” di lingue e dialetti diversi, allo scopo di esprimere una identità composita, formata da componenti locali e nazionali, ma anche cosmopolite e globalizzate.  

 

INDICE

 

Nota delle curatrici, Marina Castiglione e Iride Valenti - Criteri di trascrizione delle registrazioni - 1. Uno sguardo al panorama europeo - 2. Che cosa succede in Italia? - 2.1. Principali dinamiche in atto - 3. Come si comportano i parlanti in Sicilia? - 3.1. Definizione di alcuni fenomeni - 3.2. Perché si passa da un codice all’altro? - 3.3. Alcune riflessioni riassuntive - 3.4. La commutazione intra-frasale - 3.5. Stile di commutazione del bilingue bilanciato adulto - 4. Il dialetto e i giovani - 4.1. I giovani in Sicilia - 4.2. Ricerche sul dialetto e i giovani - 4.2.1. Inchiesta con questionario - 4.2.2. Inchiesta basata sulla osservazione del comportamento - 4.2.3. Il corpus scritto - 4.3. Qual è lo stato di salute del dialetto? - 4.4. Perché i dialetti vengono rivalutati? - 4.5. Che cos’è il polylanguaging? - 4.6. Incontri di lingue - 4.7. Il valore sociale del dialetto nei giovani - 4.8. Uno o due dialetti? - 5. Osservazioni conclusive: rinascita o canto del cigno? - Riferimenti bibliografici 

Il Centro di Studi Filologici e Linguistici siciliani promuove gli studi sul siciliano antico e moderno, con una speciale attenzione rivolta al mondo della scuola, per un corretto approccio alla cultura dialettale e alla storia linguistica della Sicilia.

L’attività del Centro è sostenuta dalla legge regionale n. 54 del 21 agosto 1984 e, relativamente alla formazione scolastica, corrisponde a quanto previsto all’art. 2 della Legge Regionale 9/2011 (“Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole”), laddove si precisa che gli interventi didattici vanno attuati «con la collaborazione delle Università siciliane e dei Centri studi siciliani specializzati nella ricerca filologica e linguistica».

Per rafforzare ulteriormente la propria presenza nel mondo della scuola e continuare lungo il percorso intrapreso grazie alla realizzazione di corsi di formazione nelle Università di Palermo e di Catania, alla pubblicazione di opere significative dedicate alla Scuola (tra le altre, i due importanti volumi di Lingue e culture in Sicilia), alla creazione del portale “Diálektos” e alla promozione di un’associazione di insegnanti, il CSFLS ha previsto, tra le altre, una collana specificamente dedicata: "Lingue e culture in Sicilia. Piccola Biblioteca per la Scuola".

 

È ancora possibile parlare di dialetto a scuola?

 

Quando si parla di dialetto a scuola scattano negli operatori (e nelle famiglie) diversi sentimenti talora opposti:

a)     entusiastica approvazione, in nome di una identità linguistica che andrebbe rivendicata appellandosi alla prima scuola poetica della penisola e ai tre premi Nobel della letteratura (posizione neo-separatista);

b)     contenuta approvazione, purché ci si limiti a insegnare un po’ di etimologia, a dimostrazione della capacità dei siciliani di inglobare tutte le culture provenienti dall’esterno (posizione politicaly-correct);

c)     disapprovazione sostenuta in base alla presunta “evidenza” che il dialetto non consentirebbe un corretto apprendimento della lingua ufficiale e, oggi come oggi, non avrebbe alcuna utilità (posizione contemporaneista).

Nessuna di queste posizioni rivela un approccio scientificamente e storicamente corretto. Sebbene la Linguistica italiana sia ormai da anni una disciplina obbligatoria nei manifesti degli studi dei corsi di Laurea che licenziano i futuri docenti di Lettere, spesso la riflessione metalinguistica è inficiata da conoscenze parziali e pregiudizi molto resistenti.

Il portale Diálektos e la collana "Lingue e culture in Sicilia. Piccola Biblioteca per la Scuola" – distribuita in due sezioni: “Strumenti e metodi” e “Percorsi” – nascono con l’intento di offrire ai docenti di ogni ordine e grado strumenti, sia di carattere didattico sia di taglio saggistico-divulgativo, grazie ai quali portare in classe il dibattito linguistico con un approccio sereno e consapevole. In particolare, la collana mette al centro della sua proposta editoriale la variazione linguistica, tra resistenze, cambiamenti, trasformazioni.

La scuola, infatti, deve essere l’agenzia in cui si forma la coscienza dell’identità plurale, proprio a partire dalla ricchezza delle lingue che hanno attraversato e attraversano il nostro territorio, senza marginalizzare i dialetti a varietà residuali o ignorarli come codici delle classi subalterne, ma anche senza esaltarli acriticamente.


Come?

 

La Collana prevede la realizzazione di agili manualetti di approfondimento (in alcuni casi corredati da vere e proprie proposte didattiche) relativi a diversi temi della linguistica siciliana e pensati per i docenti, ma anche per gli studenti.

Un primo saggio è apparso nel 2015, ed è stato dedicato alle parole che sono venute dal mare in epoca medievale e che in Sicilia, e nel siciliano, hanno trovato casa: «La storia dell’umanità è storia di migrazioni: di popoli, di uomini e di donne e con essi di cose, di parole, di linguaggi. Molte parole delle lingue d’Europa sono penetrate e si sono diffuse in seguito ai contatti – militari, economici, culturali – di epoca medievale. Contatti con genti asiatiche e africane (berbere) di lingua araba» (Giovanni Ruffino e Roberto Sottile, Parole migranti tra Oriente e Occidente, 2015, p. 5). La scelta è stata ponderata, proprio per ridimensionare le paure che riguardano i contatti con gli altri popoli e le altre lingue e per consentire anche agli studenti allofoni di vedere nel repertorio linguistico della Sicilia un bacino di integrazioni e accoglienze secolari.

Seguiranno altri volumi, nei quali si cercherà di condurre approfondimenti e riflessioni che di norma non trovano spazio nei curricula disciplinari: ad es. sul lessico (anche attraverso testi letterari dialettali); sull’italiano regionale; sull’onomastica regionale; sull’educazione linguistica; sull’uso differenziato del dialetto e dell’italiano; su testi funzionali o paraletterari (ad esempio la canzone) plurilingui; attraverso laboratori di ricerca sul campo; ecc.). Tali proposte potranno prestarsi a unità didattiche per quanti intendano svolgere utilmente attività legate alla valorizzazione dell’identità e alla formazione di una più completa coscienza linguistica.

 

Marina Castiglione e Iride Valenti